sindacoSlittano a ottobre le elezioni di Bracciano

Prove di trasparenza all’ultimo Consiglio comunale di Bracciano, sindaco nel mirino. La giunta Crocicchi vacilla. I rumors di piazza arrivano in aula. Da tempo infatti si vocifera della remissione delle deleghe da parte di tre consiglieri di maggioranza: Gessica Giorgi, Alberto Leoni ed Emilio Scarafoni. Ma la frattura si sarebbe sanata dopo una lunga riunione la sera prima. L’opposizione tuttavia incalza e il sindaco, secondo quanto scrivono i consiglieri Roberta Alimenti, Alberto Bergodi, Enrica Bonaccioli, Claudia Marini, Roberta Riccioni e Armando Tondinelli, avrebbe ammesso la frattura. Peccato che questo teatrino non sia stato ripreso dal sistema di videoregistrazione del Consiglio comunale che era fuori uso.

Ma l’opposizione incalza e con una nota chiede le dimissioni del sindaco. “L’unica strada per far risvegliare Bracciano da questo letargo – scrivono – sarebbero le dimissioni del sindaco e della sua giunta, che hanno ampiamente dimostrato la loro incapacità a gestire la cosa pubblica”.

Di Graziarosa Villani

Giornalista professionista, Laureata in Scienze Politiche (Indirizzo Politico-Internazionale) con una tesi in Diritto internazionale dal titolo "Successione tra Stati nei Trattati" (relatore Luigi Ferrari Bravo) con particolare riferimento alla riunificazione delle due Germanie. Ha scritto per oltre 20 anni per Il Messaggero. E' stata inoltre collaboratrice di Ansa, Il Tempo, Corriere di Civitavecchia, L'Espresso, D La Repubblica delle Donne, Liberazione, Avvenimenti. Ha diretto La Voce del Lago. Direttrice di Gente di Bracciano e dell'Ortica del Venerdì Settimanale, autrice di Laureato in Onestà (coautore Francesco Leonardis) e de La Notte delle Cinque Lune, Il processo al Conte Everso dell'Anguillara (coautore Biagio Minnucci), presidente dell'Associazione Culturale Sabate, del Comitato per la Difesa del Bacino Lacuale Bracciano-Martignano, vicepresidente del Comitato Pendolari Fl3 Lago di Bracciano.